Pecorino sott’olio: consigli

Il pecorino sott’olio è uno dei formaggi, o per meglio dire procedimento per preparare il formaggio, che risulta essere semplice da effettuare e che soprattutto conferisce al formaggio un sapore molto più deciso e gustoso.
Ecco come prepararlo, che utilizzo farne e qualche altra informazione utile.

Prima operazione: la pulizia del formaggio.

Preparare il pecorino sott’olio non richiede alcun tipo di grande operazione: sono pochissime quelle che devono essere effettuate, ma ognuna di essere risulta essere essenziale.
La prima di queste consiste nel pulire il formaggio: utilizzando un coltello tagliente, bisogna semplicemente eliminare la buccia del formaggio, facendo attenzione a non tagliare anche la parte commestibile, ed eliminare la buccia, che non servirà affatto.
Una volta eseguita tale operazione, è necessario tagliare il formaggio a fettine di medio spessore oppure a cubetti: in entrambi i casi, per una migliore conservazione, è meglio cercare di tagliare il formaggio a dimensioni identiche, in maniera tale che ognuna di essa si possa conservare nello stesso modo delle altre.

La conservazione.

Una volta che il formaggio viene tagliato, in un vasetto bisogna versare l’olio, fino a ché non si raggiunge la metà della sua capienza: in questo modo, una volta che si inserisce il formaggio, l’olio, che deve essere extra vergine d’oliva, non fuoriuscirà nel momento in cui verrà inserito nel vasetto.
Il formaggio ora deve essere inserito nel vasetto, e successivamente, qualora lo si voglia, sarà possibile aggiungere spezie per aumentare notevolmente il suo sapore.
A questo punto, nel vasetto bisogna aggiungere una manciata di sale, senza ovviamente esagerare, in quanto si rischierebbe di trasformare il formaggio in molto piccante.

pecorino sottolio

L’utilizzo in cucina.

Il pecorino sott’olio può essere utilizzato in diverse ricette: il più classico degli utilizzi è quello che vede il formaggio utilizzato come semplice antipasto.
In questo caso, bisogna semplicemente infilzare le varie fettine con degli stecchini, oppure porre le fettine o i cubetti nel vassoio.
Il pecorino sott’olio può inoltre essere utilizzato come condimento per cibi di ogni tipo: ad esempio, il pecorino sott’olio può essere utilizzato come ingrediente per condire gli involtini, ed i vari cubetti dovranno essere inseriti semplicemente nelle fettine di carne e lasciate cuocere seguendo il tempo indicato dalla ricetta, oppure semplicemente come aperitivo con delle bruschette.
Anche nella pasta si può utilizzare tale condimento: basta grattugiarlo ed ecco che la pasta potrà essere condita in maniera facile e veloce, senza grandi problemi.

Consigli

Come detto prima, il pecorino sott’olio deve essere salato ma non troppo: per evitare degli errori bisogna semplicemente versare due cucchiai massimo tre di sale, e lasciare riposare il formaggio per circa due mesi.
Il tempo di conservazione può essere vario, ma quello massimo si aggira sui due mesi: il formaggio deve essere consumato dopo che nel vasetto si forma una pellicola, che deve essere rimossa.
Per una migliore conservazione è meglio utilizzare vasetti in vetro, come consiglia l’azienda agricola Pannarale e metterli in un luogo buio ma che non si riveli essere troppo umido, poiché si potrebbe rovinare il formaggio.

Comments are closed.

Swiftray Theme Powered by WordPress