Cause e rimedi per l’alluce valgo a Bologna

Alluce valgo: di cosa si tratta

L’alluce valgo si presenta alla vista come una deformità del primo dito del piede, consistente nella deviazione della falange verso l’interno, ciò provoca una lussazione dei sesamoidi, piccole ossa all’interno delle quali si trova l’articolazione dell’alluce. Deriva da questa deviazione la formazione della cipolla, una tumefazione dolorosa.

Spesso l’alluce valgo è una complicazione del piede piatto in quanto tale caratteristica anatomica porta ad un eccessivo sovraccarico sulla parte anteriore con difficoltà a camminare. Nei casi più gravi si verificano lesioni cutanee e deformazioni che interessano anche il secondo, e a volte terzo dito, inoltre, possono essere ripercussioni su schiena e ginocchio.

Cause dell’alluce valgo

correzione alluce valgo a BolognaQuesta patologia è frequente soprattutto nelle donne e colpisce in età senile o matura, spesso vi è una componente ereditaria importante. Ci sono fattori che possono favorire l’aggravamento del problema ed in particolare l’uso di scarpe con punta stretta o con tacco alto, ciò perché tali calzature portano il piede ad assumere delle posizioni innaturali, spostando il peso del corpo sulla parte anteriore del piede, neutralizzandone la funzione della conformazione che è di distribuire in modo equo il peso.

Trattamento dell’alluce valgo a Bologna

In alcuni casi per risolvere il problema può bastare l’uso di speciali tutori in grado di far assumere al piede una posizione naturale. Per eliminare il dolore, invece, può essere necessario fare un impacco di ghiaccio, anche più volte al giorno, o l’uso di antidolorifici, ma per una soluzione definitiva, soprattutto nei casi più gravi può essere necessario sottoporsi ad un intervento chirurgico per alluce valgo a Bologna.

Il trattamento chirurgico può essere necessario perché la sintomatologia peggiora con il tempo e di conseguenza riallineare chirurgicamente le ossa interessate migliora la condizione del paziente. Diverse sono le procedure utilizzabili per risolvere il problema dell’alluce valgo a Bologna, tra esse l’osteotomia e l’artrodesi.

Interventi chirurgici

L’osteotomia prevede il taglio e la rimozione di una parte dell’osso, in seguito si procede all’allineamento delle ossa interessate. Per mantenere la posizione corretta assunta vi è la fissazione mediante viti o fili metallici. Questi ultimi possono anche essere fissati all’esterno e quindi essere rimossi dopo circa un mese.

L’artrodesi prevede un’immobilizzazione dell’articolazione dell’alluce con la fusione, attraverso l’uso di placche metalliche, di metatarso e falange. Si applica quando vi è una degenerazione elevata dell’articolazione e non è possibile salvarla, in seguito a questo intervento la mobilità dell’alluce è fortemente limitata.

Tra le tecniche utilizzabili per eseguire questi due interventi per l’alluce valgo a Bologna, c’è anche la chirurgia mininvasiva che prevede l’esecuzione dell’operazione tramite piccoli forellini e l’uso di strumenti ottici in grado di inviare immagini ad un monitor collegato e quindi con una perfetta visione dei tessuti su cui si interviene da parte del chirurgo.

Uno degli inconvenienti legati alla chirurgia per il trattamento dell’alluce valgo è il gonfiore che caratterizzerà il piede per circa tre mesi e per lo stesso periodo non è possibile indossare scarpe normali, dopo circa un mese, invece, si può tornare alla guida.

Comments are closed.

Swiftray Theme Powered by WordPress